Voci dal vigneto 2018 

 

Sabato 13 ottobre. Come ogni anno la Tenuta di Angoris ha festeggiato la fine della vendemmia con l’appuntamento “Voci dal vigneto”: un evento che, giunto alla quinta edizione, celebra questo speciale periodo dell’anno. «Il 2018 è una ricorrenza particolare: sabato sera tutta la mia famiglia ha reso onore anche alla storia di Angoris che quest’anno compie 370 anni celebrandola con una torta speciale e un vino creato per questa occasione! È stata una serata densa di emozioni!» ha commentato Marta Locatelli, titolare della Tenuta di Angoris.

Terminato il consueto aperitivo nella sala degustazione aziendale, gli ospiti si sono spostati nella suggestiva barricaia (nel piano sotterraneo della cantina). Dopo i saluti iniziali di Marta, la parola è passata subito allo storico Stefano Cosma che, chiacchierando con il giornalista Alessandro Marzo Magno, ha svelato alcuni dettagli del libro che sta scrivendo e che ha come fulcro la storia secolare della Tenuta di Angoris: uno studio pensato proprio per celebrare i 370 anni dalla fondazione.
Successivamente, l’attore Mario Milosa ha letto alcuni brani tratti dal manoscritto, dando in anteprima ai presenti una sbirciata al contenuto del volume. È stato un excursus sulla storia di un territorio e di una famiglia: un nome, quello dei Locatelli, fortemente radicato nella storia di questo angolo d’Italia.

Terminata la parte dedicata alla storia di Angoris, l’enologo aziendale Alessandro Dal Zovo ha presentato l’annata vitivinicola appena conclusa, raccontando come il clima sia stato determinante per ottenere una produzione nettamente superiore alla media con una qualità elevata, e spiegando come la gelata dell’anno scorso abbia avuto, paradossalmente, un effetto positivo sulla produzione 2018: «per quanto ci riguarda le varietà più produttive sono state quelle più colpite dalla gelata del 21 aprile 2017 e cioè refosco dal peduncolo rosso, pinot bianco e pinot grigio, le quali hanno potuto utilizzare energie non sfruttate lo scorso anno per produrre uva nei mesi scorsi”, ha spiegato l’enologo.

In conclusione, anche il sindaco di Cormons Roberto Felcaro e il presidente del consiglio regionale Piero Mauro Zanin hanno salutato gli ospiti.

La serata è poi continuata con la cena a villa Locatelli dove gli ospiti sono rimasti conquistati dalla musica del pianista Davide Locatelli e hanno potuto apprezzare i vini proposti: il Collio Bianco Riserva Giulio Locatelli DOC 2016 (neovincitore dei Tre Bicchieri sulla guida Gambero Rosso 2019), il vino celebrativo “370 anni” (un uvaggio di Chardonnay Spìule, Friulano, Picolit e Collio Bianco), il Merlot Ravòst DOC Colli Orientali del Friuli 2007 e il Picolit DOCG Colli Orientali del Friuli 2011.

Potete leggere qua gli articoli pubblicati sul Messaggero Veneto (pagina dell’economia), Il Piccolo, Il PiccoloMessaggero Veneto, Messaggero VenetoQBQuantobasta online, QBQuantobasta cartaceo, MissClaireTOP Taste of Passion e Il Friuli.

Condividi
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • email
Tenuta di Angoris S.r.l. - Powered by Ambient7
Tenuta di Angoris S.r.l. - Società Agricola - Loc. Angoris, 7 34071 Cormòns (GO) Italy - P. I.v.a. 00051120319